La realtà aumentata nelle lenti a contatto: test sui conigli

Scritto da: -

Ecco cosa ci riserva il futuro: proiettare oggetti e informazioni davanti a noi semplicemente utilizzando un paio di lenti a contatto e una connessione wireless.

Rabbit's-eye.jpgUn giorno potrebbe bastare avere il telefono (mah, continuiamo a chiamarlo così) in tasca e un paio di lenti a contatto in grado di proiettare la realtà aumentata davanti a noi per non avere più bisogno del Tom Tom. E non solo. La prospettiva della realtà aumentata è esattamente quella: informazioni proiettate nel mondo davanti a noi. In grado di aumentarne il significato. La notizia che questa tecnologia è entrata in fase di test, nello specifico su un coniglio, è stata riportata da The New Scientist: l’animale non avrebbe sofferto alcun effetto indesiderato legato alla presenza nei propri occhi di questi display a forma di lente a contatto.

“Abbiamo dimostrato che controllare un display fatto di lenti a contatto attraverso un trasmettitore in uno spazio libero su un coniglio vivo è possibile” affermano con orgoglio i ricercatori della University of Washington.

Ora non correre troppo con l’immaginazione e lascia riposare Terminator. Siamo ancora all’inizio dello sviluppo di questa tecnologia. Se però ti interessa la ricerca, puoi leggere un paper sul Journal of Micromechanics and Microengineering che ha un titolo significativo: A single-pixel wireless contact lens display.

Certo però questa cosa qui mi pare molto più rivoluzionaria di quanto non mi siano sembrate la vera Batmobile (auto con la turbina di un Boeing) o l’Airbus 2050, l’aereo trasparente su cui voleremo in futuro.

Vota l'articolo:
3.00 su 5.00 basato su 5 voti.  
 
  • nickname Commento numero 1 su La realtà aumentata nelle lenti a contatto: test sui conigli

    Posted by:

    questa ricerca mi interessa molto, ma vorrei sapere perchè testare prima sugli animali un qualcosa che non nuoce in alcun modo all\'uomo ? cioè che differenza fa\' se le provavano prima loro per poi pubblicarne i risultati ? Scritto il Date —