Instagram per Android. Una rivoluzione pari a quella degli mp3

Annuncia a LeWeb, l'app è finalmente ufficiale, anche se non pronta. Quello che promette è una rivoluzione culturale.

instagram-android.jpgInstagram, la più diffusa app di foto-sharing, è (quasi) pronta a sbarcare su Android. Lo hanno annunciato gli sviluppatori a LeWeb, come riporta Mashable, confermando una voce che girava da tempo (qualcuno direbbe anni). Discutendo della cosa su Twitter con @republicqueen e @fabiolalli ne è nata un'interessante discussione di cui riporto. Inizialmente si è fatta un po' di confusione circa il concetto "finita". L'app non è pronta ancora, ma quando sarà finita per tutti gli altri che hanno tentato di fare l'anti-instagram sarà finita per davvero.

Quello che è riuscita a fare Instagram tramite iPhone è lanciare il concetto di social foto, ossia la condivisione dei propri scatti. E la gente con Instagram ha cominciato a fare foto per esprimere pensieri (la foto sopra, scattata con Instagram, è un albero che dava fastidio al mio vicino). Quando Fabio ha fatto notare che quella dell'iPhone è la fotocamera più usata su Flickr, mi è venuto spontaneo chiedermi se Instagram avesse prodotto un incremento dell'uso della fotocamera da parte degli utenti iOS.


Andrea ci ha proposto un'interessante infografica che illustra come la fotocamera sia usata regolarmente solo dall'1% degli utenti Android. Instagram oggi ha 15 milioni di utenti e mi pare verosimile che debuttando su Android riesca ad avere lo stesso successo avuto da Angry Birds.


Secondo Fabio (ideatore di Followgram, che ti permette di creare il tuo Instagram-foto-blog) si tratta di una rivoluzione pari a quella introdotta dagli mp3. Gli ho chiesto di spiegare il concetto per gli amici di Comunità Digitali.


La nascita degli Mp3 ha portato la musica digitale alla massa, creando un divario tra cultori, che pretendono musica di altissima qualità, e chi ascolta musica in ogni dove, senza preoccuparsi della qualità.


Con Instagram è successo lo stesso. Prima chi scattava foto di qualità erano fotografi professionisti o appassionati, possessori di macchine fotografiche eccellenti. Caricavano i loro scatti su Flickr per mettere in mostra fotografie di qualità.


Instagram ha modificato tutto questo: gli effetti fotografici e la qualità della fotocamera di iPhone 4 e 4S hanno permesso alle persone di realizzare foto di buona qualità, ritoccarle, renderle dei piccoli capolavori emozionali e condividerle.


Non sto dicendo che Instagram diventerà uno "standard" come gli mp3, ma ha rotto una barriera importante: ha portato alla massa la possibilità di scattare e condividere piccoli capolavori fotografici, senza necessariamente esser professionisti dotati di strumenti costosissimi. La massa non è interessata ad avere di più, come per la musica.




Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

I VIDEO DEL CANALE TECNOLOGIA DI BLOGO